La “mia” politica internazionale


Da una parte mi è sempre interessato quello che succede al mondo, dall’altra ce n’è sempre una; e la nostra prospettiva si è allargata, fino a comprendere sempre più paesi e territori del mondo che siano capaci di influenzare la nostra piccola vita.

La morale è che ogni giorno leggo soprattutto il giornale (il mio tempo quotidiano personale), mi metto da parte i Time che leggo poi a ondate, e seguo in modo non costante ma continuo i tanti angoli di mondo, le loro crisi passioni lotte e situazioni.

Probabilmente cerco di immaginare l’effetto di tutte queste situazioni su di me ed il mio particolare (per decidere dove investire le risorse ed energie per la mia famiglia), oppure per vedere di nasosto l’effetto che fa.

Sicuramente sono più legato in modo emotivo alle situazioni dei paese che conosco meglio (yes, l’Italietta nostra, e poi i posti dove sono stato nella mia vita, i posti dove sono legato da ricordi?), ma in ogni caso seleziono in base a quanto gli argomenti hanno interesse in un dato momento, con il limite che questo rappresenta.
Adesso sarebbo ovvio dire Caucaso, ma era più serio occuparsene qualche anno e mese fa.
Ovvero, chi si occupa più dell’Africa Centrale, non va più di moda?
Vabbè, lo Zimbabwe lo conosco da anni e mi colpisce molto nella sua parabola perversa e nelle sue contraddizioni, ma soprattutto mi spiace se ricordo come la gente sembrasse felice non molti anni fa.
E chi capisce davvero cosa succede in Pakistan?
Boh.

Infine: il fatto di vivere negli US mi da una lucidità nuova, derivante dal fatto di poter vedere “per differenza” – quanto è diverso il mio modo di annotare le cose che vedo rispetto agli americani; quali sono le cose che mi colpiscono di più adesso rispetto all’Italia; quanto la gente non dia peso a situazioni esplosive solo perchè influenzati da quanto spazio diano i media, e leggendo in entrambi i paesi apprezzo i diversi pesi che i media nazionali applicano.

E’ così per tutti?

Advertisements

About cmalaguzzi

I am a Mktg and Biz Dev Exec, with a passion for technology. Love to spend time on IT strategy, innovation, partner ecosystems, business productivity.
This entry was posted in Foreign politics/politica estera and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s